corsopotaturavialfre2017.jpgdegustazione2014.jpgmoncalvo2018.jpgmasino2017.jpg

Importanza del clima

Importanza del clima

I limiti geografici dell’olivo sono compresi fra il ventinovesimo ed il quarantaseiesimo parallelo nord e sud. La temperatura esercita una influenza decisiva sulla regolazione di numerosi processi fisiologici quali: la traspirazione, la respirazione, la fotosintesi, l'attività enzimatica, la formazione e la degradazione dei diversi composti presenti nel frutto (acidi grassi, polifenoli, clorofilla, ecc.), la divisione e la distensione cellulare. La temperatura agisce perciò sulla crescita vegetativa, sulla differenziazione morfologica dei vari organi della pianta (gemme, fiori), sull'allegagione e maturazione dei frutti, in sostanza, sulla capacità produttiva della pianta. L'olivo è particolarmente sensibile alle basse temperature: periodi prolungati al di sotto dei -7°C provocano danni irreparabili. In annate normali può sopportare nelle zone settentrionali temperature invernali di –6 °C. Al di sotto iniziano i danni gravi (il primo sintomo è dato dal distacco delle foglie); tuttavia, anche quando la parte aerea viene distrutta, gli ovuli del ciocco, che è sotterraneo, originano polloni che serviranno per la ricostituzione della parte aerea. A volte, nei climi settentrionali, sono più dannose le gelate primaverili che riducono o annullano la produzione.

TIPI DI DANNI

Danno lieve

 

 

Danno grave

 

Danno irrimediabile

 

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili al fine di migliorare la navigazione.